strisce A-m.png

COSMOGONY

realtà virtuale - siMULTANEOUS SCREENING

Cosmogony_03.png
ZED-cam-INTERO-sx-WEB.png

cosmogony

di Gilles Jobin

06 NOVEMBRE | EVENTO SPECIALE | PERFORMANCE DIGITALE IN TEMPO REALE
ore 19:30  -  durata 32'
Arena del Sole - Sala Thierry Salmon

INGRESSO GRATUITO - prenotazione consigliata: zedfestival.info@gmail.com

Un evento straordinario frutto della collaborazione con ERT Emilia Romagna Teatro.

Il 6 novembre Bologna e Ginevra si collegheranno in diretta tra di loro e con lo studio della Compagnia Gilles Jobin per una serata unica e indimenticabile.

Cosmogony è un'esibizione dal vivo con tre ballerini i cui movimenti vengono elaborati dal vivo tramite motion capture, dallo Studio della Compagnia Gilles Jobin a Ginevra e proiettati in tempo reale per un pubblico mondiale. I movimenti dei ballerini vengono catturati a Ginevra, tagliati in "bit" digitali e inviati istantaneamente attraverso il cyberspazio per apparire come avatar, sullo schermo e in tempo reale per un pubblico dal vivo, a migliaia di chilometri di distanza dallo studio della Compagnia. I corpi dei danzatori e i loro avatar sono aggrovigliati come particelle in uno stato quantico, che eseguono azioni spettrali a distanza, i loro movimenti istantaneamente teletrasportati in tutto il mondo. I ballerini agiscono come i burattinai dei propri corpi, animando i loro avatar in tempo reale e componendo la cosmogonia di un mondo in sospensione. In uno spazio cosmico o nel cuore di una città virtuale, i corpi in movimento dei danzatori si liberano dalle leggi della fisica seguendo il ronzio dei suoni analogici della band doom rock svizzera Tar Pond, offrendo al pubblico un affascinante viaggio oltre la realtà

 

 

CREDITI

direzione: Gilles Jobin

danzatori: Susana Panadés Diaz, Rudi van der Merwe, Jozsef Trefeli

Coordinamento coreografico: Susana Panadés Diaz

Coordinamento elaborazioni 3D: Tristan Siodlak

Coordinamento Tecnologico: Camilo de Martino

Coordinamento Tecnico: Pierre-Igor Berthet

Motion Capture: Pedro Ribot

Mocap cameras: Qualisys

Musiche: Tar Pond

Arrangiamenti: Marky Edelmann, Tommy Vetterli

MasterING: Dan Suter - Echo Chamber

Amministrazione: Gonzague Bochud

Production manager: Lucia Diaz - Tejeiro

Produzione: Cie Gilles Jobin

CoN Il supporto di: Comune e Cantoni di Ginevra e The Swiss Arts Council Pro Helvetia

Cosmogony_05.png
Cosmogony_01.png
Cosmogony_04.png

The Digital Dance Company

Mentre le Compagnia Gilles Jobin ha iniziato i suoi esperimenti digitali con VR_I nel 2017, è nel cuore della pandemia del marzo 2020 che Gilles Jobin ha pensato di catturare il movimento dei ballerini e inviare i loro avatar ad esibirsi in tempo reale per il pubblico dal vivo in tutto il mondo. Con restrizioni di viaggio, blocchi multipli e la cancellazione di tutte le sue date, le prospettive per le esibizioni dal vivo erano cupe per una compagnia di danza in tournée globale. L'immediata intuizione è stata quella di tuffarsi nei territori digitali in quanto sembrava ovvio che con gli strumenti tecnologici a disposizione da precedenti progetti digitali, la compagnia avrebbe potuto sviluppare internamente una propria rete tecnologica per continuare a esibirsi dal vivo a livello internazionale. Anticipando anni di difficoltà di viaggio e cancellazioni dell'ultimo minuto, la compagnia ha deciso di esplorare nuovi territori digitali per la danza e di sperimentare nuove opportunità per distribuire le proprie opere e fare tournée senza viaggiare.

La compagnia ha sperimentato il motion capture remoto e ha presto creato la sua prima performance VR multiutente con motion capture in tempo reale, La Comédie Virtuelle, uno spettacolo dal vivo VR immersivo in un teatro virtuale per 5 ballerini che danzano in motion capture a Ginevra (3), Bangalore (1) e Melbourne (1) e che hanno ballato insieme nello stesso spazio 3D. Accessibile a livello globale online, l'opera è stata selezionata in concorso al Venice International 2020 Film Festival.

La realtà virtuale è l'ambiente digitale più coinvolgente e richiede che il pubblico indossi un visore per partecipare all'esperienza.

Conscia della scarsa accessibilità del pubblico al VR, la compagnia punta a formati più accessibili come la proiezione 2D per il video mapping, il cinema o la distribuzione online. Cosmogony non è solo una performance digitale dal vivo, ma anche un esperimento di animazione dal vivo.

www.gillesjobin.com/en/